Recensione in Anteprima 'Delitto nel bunker' di Raffaella Rosselli


 Delitto nel bunker - Raffaella Rosselli
Robin Edizioni - 190 pagine
11.00€ - eBook 4.99€



Marco, imprenditore milanese, in una fredda mattina invernale arriva nella sua azienda più teso del solito, concentrato su un incontro lavorativo importante. Quello che non sa è che di lì a poco troverà un cadavere riverso nel bunker della fabbrica. Chi sia quell'uomo e come sia stato ucciso sono misteri inspiegati. La sua storia è infatti intrecciata a quella di due agenti segreti e di una refurtiva che proviene dagli Emirati Arabi. Questa recensione è diversa da tutte le altre perché l'autrice questa volta è una cara amica, che ringrazio per avermi consentito di leggere in anteprima il suo romanzo. E' una grande emozione ricevere un libro prima della pubblicazione con la consapevolezza di essere la prima a posare lo sguardo su quella storia, subito dopo l'editore. Delitto nel bunker è un giallo sospeso tra il nord Italia e gli Emirati Arabi. Un cadavere viene rinvenuto nel bunker di un'azienda. Marco e sua moglie Paola gestiscono un'impresa che si occupa della verifica di materiali metallici e non riescono a capire a quale scopo un uomo possa essersi infiltrato nella loro proprietà né tanto meno chi possa averlo ucciso. Ma la narrazione subisce uno sviluppo su due livelli e allora il lettore verrà introdotto nella vita di Lucia, agente addestrato per missioni complesse, che si troverà a collaborare con un collega carismatico e ambiguo. Sarà proprio la loro storia a svelarci antefatti e retroscena di un mistero internazionale. 
Lucia rimase a bocca aperta, non riusciva a proferire parola. Lui aveva già calcolato tutto.
Credo che il giallo sia uno dei generi più complessi da strutturare, soprattutto quando si opera su diversi livelli temporali. L'autrice, sebbene alla sua prima pubblicazione, riesce ad elaborare un intreccio credibile e a portarlo avanti in maniera scorrevole. I personaggi hanno identità definite e personalità ben delineate. C'è attenzione verso i particolari e il mistero coinvolge, sebbene ne verrete a capo nel giro di poche ore perché questo libro si presta ad essere esaurito in tempo breve. Ho notato anche una grande sensibilità nel descrivere le donne, i loro gusti, il loro modo di essere. In un paio di punti si possono forse individuare dei passaggi un po' acerbi nei nessi causa-effetto, del tutto giustificabili dal fatto che si tratti di un'opera prima. Sono presenti alcune forzature nell'intreccio e i dialoghi a volte non convincono fino in fondo, ma nonostante ciò Delitto nel bunker si rivela una storia con delle potenzialità, dove il giallo si lega ad una piacevole sfumatura di rosa. Un esordio al quale seguiranno sicuramente tante altre storie che non vedo l'ora di scoprire.

Commenti

  1. Ringrazio la mia amica blogger, Stefania, per avermi ospitata in questo Suo spazio.
    A meno di quattro mesi dall'uscita del mio romanzo giallo, #delittonelbunker, posso confermare innumerevoli riscontri positivi, anche da persone sconosciute. Quasi tutti lo hanno letto in due giorni (anche sotto l'ombrellone, sono solo 190 pagine), e la domanda di rito è diventata: quando scrivi il prossimo? Per chi volesse, è disponibile anche in versione e-book sia su IBS che su Amazon. Potete trovare alcuni commenti sia sulla mia pagina FB che G+. Lo hanno letto anche persone che non leggono quasi mai e anch'esse mi hanno fatto i complimenti per la scorrevolezza della storia, inclusi clienti dell'azienda per cui lavoro (magari facessi la scrittrice di professione). Sarei veramente felice di ricevere anche i Vostri commenti. Ci tengo a sottolineare il lavoro svolto con il Liceo Artistico di Piacenza per la realizzazione della copertina (e non solo). Buona lettura a tutti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari