Recensione 'Quando meno te lo aspetti' di Chiara Moscardelli




TITOLO: Quando meno te lo aspetti
AUTORE: Chiara Moscardelli
EDITORE: Giunti
PAGINE: 272
GENERE: romanzi italiani
PREZZO: 14,00 €
eBOOK ita: 9,99 €
Store Online: link

Qui la sinossi completa.
Penelope Stregatti, barese di nascita e milanese di adozione, ha trentasei anni, un lavoro che non la entusiasma e una lista di desideri non esauditi. Nel suo passato una laurea, due master e uomini sbagliati. In compenso ha degli amici che la adorano e una nonna cartomante che prega "Sande Necole" affinché lei possa trovare un marito.
Eppure, quando meno te lo aspetti, le cose possono cambiare. L'amore potrebbe giungere nei modi più imprevisti, persino attraverso un incidente in bicicletta. Ma chi è in realtà l'uomo con cui Penelope si è scontrata? Questo l'interrogativo che l'assillerà quando se lo ritroverà davanti per la seconda volta, nell'azienda dove lavora, con un nome e un'identità differenti e quanto mai sospette.
Con l'estate ormai inoltrata e le giornate al mare che si moltiplicano, inizia a farsi sentire la voglia di leggerezza e di letture spensierate. Quando meno te lo aspetti è proprio uno di quei libri che porta una ventata d'aria fresca.
Penelope è una ragazza comune: intelligente, predisposta alle figuracce, qualche chilo di troppo, una lista dei desideri compilata a sedici anni e ormai dimenticata.
Lavora alla Pimpax Spa, un'azienda che produce pannolini, e del sogno di diventare una giornalista le rimane solo la collaborazione con Girl Power, rivista per la quale Penelope crea test sulle affinità sessuali, argomento sul quale per altro non è nemmeno molto ferrata. Finché un giorno, dopo una serata alcolica, investe con la sua bici un uomo, fratturandogli una gamba. Albero Ristori, così si presenta a Penelope, che ne rimane folgorata. I due si perdono di vista, per poi ritrovarsi di nuovo faccia a faccia: solo che questa volta lui è Riccardo Galanti, il consulente incaricato a ristrutturare l'azienda in cui lei lavora. Chi sarà mai quest'individuo dalla duplice identità? Penelope non riesce a venirne a capo ma sa per certo che quell'uomo ha riscosso il suo cuore. 
Lo stile dell'autrice è brioso e scorrevole, Penelope, guidata dalla penna di Chiara, punta sull'humor, e ciò che ne viene fuori è una protagonista che suscita tenerezza e simpatia. 
Il rosa non è l'unico colore di cui si tinge il romanzo, ho apprezzato infatti la venatura di giallo - da non prendere troppo sul serio - che stuzzica il lettore, curioso di scoprire la vera identità di quest'uomo misterioso.
Alcune situazioni sono piacevolmente comiche, altre - forse un po' eccessive - tendono a sfiorare il paradossale, in particolare il catastrofico approccio di Penelope con l'universo maschile.
Ho adorato nonna Berta, con la sua mania per le carte e per San Nicola - protettore delle zitelle - così come le espressioni in barese che infondono vitalità alla storia.
Un altro libro da mettere in valigia e da gustare sotto l'ombrellone, il cui messaggio di fondo ci suggerisce che tutto può cambiare, se si trova il coraggio di osare.

Nota sull'autrice
Chiara Moscardelli, romana, vive a Milano. Il suo romanzo di esordio, Volevo essere una gatta morta (Einaudi Stile Libero, 2011), ha avuto un grande successo di pubblico e di critica, oggetto di culto della rete. Nel 2013, sempre per Einaudi Stile Libero, è uscito La vita non è un film. 

Frase sottolineata
Il mio mondo era crollato. Non era un bel mondo, ma era pur sempre il mio, quello che mi ero costruita a fatica e che avrebbe meritato una fine migliore.

VALUTAZIONE
- Sorrisi  - Lacrime x - Risate  - Suspense x - Brividi x - Rabbia x



Un chic-lit brioso, per chi ha voglia di una storia leggera senza troppe pretese.


 

Commenti

  1. Dài, ogni tanto una lettura così ci sta bene. E' arrivato anche a me: l'ho richiesto per curiosità, perché ho assistito a un pezzo della presentazione dell'autrice, che di recente è stata dalle mie parti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono letture ideali per staccare, in inverno non so se l'avrei letto, ma in questo periodo ne sentivo il bisogno :)

      Elimina
    2. Io l'ho letto adesso, finito ieri sera, e ci stava tutto!!!! ahahah me lo sono proprio goduto. Io consiglio questo libro come intramezzo fra libri più impegnati, o come cura per il blocco del lettore. Dai ci sta tutto, vero?
      Quando Penelope racconta del suo ufficio: mamma mia che ridere mi ci sono rivista un sacco! Penelope mi somiglia un pochino, pure io sogno tanto e combino un bel po' di pasticci ahahah e mi diverto tanto! Per fortuna non bevo ;-)
      Ciao Mr Ink, ciao Stefania.

      Laura

      Elimina
    3. concordo con il tuo consiglio, Laura :D ideale nei momenti in cui non si ha voglia di leggere!

      Elimina
  2. Una ventata di aria fresca ogni tanto ci vuole... Ci penserò su!

    RispondiElimina
  3. Una lettura perfetta per l'estate :)

    RispondiElimina
  4. Opinioni discordanti questa volta le nostre...sono alle ultime pagine, presto recensione.

    RispondiElimina
  5. Certo, anche se speravo in una lettura estiva piacevole...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha regalato qualche ora di lettura spensierata che è esattamente ciò che mi aspettavo da questo libro, pur con i limiti che ho esposto nella recensione, in particolare l'inverosimiglianza di alcuni passi :)

      Elimina
  6. mi piace
    Grazie per le post
    Baccio grande!! :)

    RispondiElimina
  7. lettura di questo libro molto bella e spensierata... sicuramente leggerò gli altri della stessa autrice

    RispondiElimina
  8. Ciao Stefania, LETTO!!!!! Mi sono divertita molto.
    Una parte l'ho letta sulla panchina del parco, mentre "curavo" mio figlio che giocava con gli amici e ogni tanto mi mettevo a ridere e le altre mamme mi tiravano occhiate incuriosite, se mi hanno presa per matta pazienza; spero almeno si siano segnate il titolo ahahah
    Poi volevo dire una cosa sul finale: io avrei saltato l'ultimo capitolo. Già nel penultimo Penelope era felice lo stesso e avrei prospettato un seguito a questa nuova Bridget Jones!

    Molto bella la tua recensione, come al solito!! Ma come fai a essere così brava?

    Un abbraccio,

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi lettori siamo un po' folli :D
      anch'io avrei preferito il "primo" finale!
      sei tu che sei troppo buona :*

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari