Recensione 'Biscotti e sospetti' di Stefania Bertola





Titolo: Biscotti e sospetti
Autore: Stefania Bertola
Editore: Tea
Pagine: 237
Genere: romanzi italiani
Prezzo: 8,60 €


Nota sull'autrice
Stefania Bertola vive a San Mauro, vicino a Torino, la città in cui è nata. Ha lavorato a lungo in radio ed è anche sceneggiatrice televisiva. Amante del teatro, madre, padrona di gatti, accanita lettrice e tifosa della Juve.



Violetta e sua sorella Caterina prendono in affitto una porzione di un'elegante villa in collina. Ben presto fanno la conoscenza degli altri affittuari: Rebecca, correttrice di bozze divorziata con tre bambine, Mattia, affascinante arredatore d'interni dal pessimo gusto, Emanuele, titolare di una grande azienda che produce vetri, da poco convolato a nozze con una ragazza indiana.
Le loro vicende si intrecceranno fino ad aggrovigliarsi in un mix di umorismo e sentimenti.
Innanzitutto ringrazio mia cognata Serena, la persona speciale che mi ha suggerito - e prestato - questo libro. "Sono sicura che ti piacerà" mi ha detto e non si sbagliava. 
Caterina e Violetta non potrebbero essere sorelle più diverse. Violetta è mora, pacata e riflessiva, lavora in una libreria e ha un fidanzato dal quale attende una proposta di matrimonio. La bionda Caterina vive invece completamente al di fuori dagli schemi, il suo pensiero è privo di filtri, è una sarta piuttosto eccentrica e nel tempo libero commercia gli oggetti più assurdi e improbabili (se avete bisogno di lampade a forma di alci rosa adesso sapete a chi rivolgervi!). 
Cosa le accomuna? Probabilmente soltanto l'assoluta negazione per la cucina, entrambe si nutrono esclusivamente di cibi in scatola e surgelati.
Quando le due fanciulle approdano nell'elegante residenza torinese i guai sono nell'aria. Rimarranno invischiate nelle vicende personali e sentimentali degli altri condomini e anche le loro vite prenderanno delle pieghe inaspettate. 
Biscotti e sospetti è per me il primo libro di Stefania Bertola, che sono felice di aver scoperto. Ho apprezzato tantissimo l'ironia che permea ogni riga del romanzo rendendolo una lettura frizzante e accattivante, ben lontana dai toni smielati e più classicamente rosa. La prosa è scorrevole, non ci sono tempi morti né momenti di noia. I personaggi sono cesellati con cura, di certo stravaganti e con alcune caratteristiche predominanti, ma assolutamente credibili nelle loro peculiarità. 
Tanti ingredienti si mescolano insieme per dar vita a questa storia: amori autentici e fittizi, amicizie, bugie, solidarietà femminile, persino indagini investigative perché ad un certo punto Parvati, la misteriosa moglie indiana di Emanuele, sparirà nel nulla, e questa pazza combriccola unirà le forze per ritrovarla. Godibilissimo anche il contesto torinese, reso realistico e familiare da tanti piccoli dettagli. 
Non nego che a fine lettura sono stata invasa da un moto di nostalgia per questi bizzarri protagonisti che tra un sorriso e una risata si fanno conoscere e amare.
Un libro gustoso come dei biscotti speziati, di una leggerezza che strappa sorrisi e momenti di piacevolissimo svago.




Commenti

  1. L'ho appena finito anche io e mi é piaciuto un sacco! Concordo con te, é una lettura ironica e frizzante, i personaggi sono assurdi al punto giusto, davvero carino! ;)

    RispondiElimina
  2. Bellissima la tua recensione, tanto che mi hai convinta e lo leggerò sicuramente! :)

    RispondiElimina
  3. Ho letto anch'io questo libro che offre una storia piacevolissima ed è un ottimo tirami-sù per il morale, per rilassarsi con qualche bella risata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo, aquila! è uno di quei libri che fanno passare il malumore :)

      Elimina
  4. Quando ho iniziato a leggere la trama temevo di trovare la solita storia "donna che affitta la casa e si innamora del nuovo vicino".
    Dalla tua recensione leggo però che il libro è molto più complesso, scritto con cura e con personaggi ben caratterizzati. E poi vogliamo parlare della cover, è deliziosa!

    RispondiElimina
  5. Sono tornata a deliziarmi con le tue parole...Mi hai incuriosita :-)

    RispondiElimina
  6. Sembra davvero un libro carinissimo, da come ne parli!! Ho sentito spesso che la Bertola è una scrittrice in gamba ma ancora non mi è capitato di leggere nulla di suo. Mi segno questo titolo e cercherò di rimediare presto!! ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari