Recensione 'Squisito!' di Ruth Reichl

Titolo: Squisito!
Autore: Ruth Reichl
Editore: Salani
Pagine: 424
Genere: romanzi stranieri
Prezzo: 18,60 €

Omaggio ce


Nota sull'autrice
Ruth Reichl è nata e cresciuta al Greenwich Village. Ha scritto il primo libro di cucina a ventun anni. È stata direttore della rivista Gourmet per dieci anni, ha lavorato come critico gastronomico per il New York Times e per il Los Angeles Times. Ha scritto per Vanity Fair, Metropolitan Home, Food and Wine. Attraverso le sue recensioni di ristoranti e i suoi memoir bestseller (La parte più tenera e Confortatemi con le mele, entrambi usciti per Ponte alle Grazie) ha conquistato migliaia di lettori. Vive a New York con il marito, il figlio e due gatti.


Billie Breslin lascia la California per trasferirsi a New York, dove ambisce al posto di segretaria per Squisito!, celebre rivista gastronomica della Grande Mela. Sin da piccola Billie ha un talento naturale, un palato attraverso il quale riesce a distinguere anche gli ingredienti più complessi, a visualizzare alchimie di sapori, a prevedere perfette sinfonie di gusti. Talento che si rifiuta di utilizzare in cucina da quando un doloroso evento ha invertito per sempre la rotta della sua vita.
Squisito! si rivelerà per Billie una grande avventura, un caleidoscopio di conoscenze e nuove esperienze, purtroppo destinate ad interrompersi bruscamente. La rivista chiuderà i battenti per bancarotta e toccherà proprio a Billie rispondere agli ultimi reclami dei clienti in quella maestosa casa newyorkese ormai vuota, abbandonata dai colleghi e destinata a trasformarsi in un’abitazione privata. Proprio in questa circostanza Billie farà una scoperta inaspettata: una stanza segreta che custodisce una corrispondenza epistolare risalente a settant’anni prima, lettere inviate da una ragazzina al celebre chef James Beard, nei tragici anni della seconda guerra mondiale. Billie, grazie alle parole di Lulu, cariche di gioia di vivere, coraggio, determinazione e speranza, intraprenderà un cammino alla ricerca di quella ragazzina del passato, ma anche e soprattutto di se stessa. 
Squisito! è una storia che profuma di zenzero, arancia e cannella. E’ una storia zuccherosa al primo morso, ma con un retrogusto deciso e speziato. Billie per tutta la vita ha combattuto con il suo sentirsi
inadeguata, inadatta, a volte addirittura invisibile. Poi accade ciò che non sarebbe mai dovuto succedere, e da quel momento si chiuderà in se stessa, si trincererà in un cieco senso di colpa, annientando il proprio essere, annullando la propria anima e privandosi di ciò che più ama fare: cucinare. Finché Lulu, una ragazzina cresciuta durante la guerra non si farà spazio nella sua vita e nei suoi pensieri, creando una piccola crepa nell’armatura di Billie. Una crepa dalla quale ben presto entreranno luce, vita, rinascita e forse persino l’amore. Lo stile di Ruth Reichl è caldo e accogliente, guida il lettore tra le strade di New York, tra personaggi unici, caratteristici, modellati con cura e maestria. Il cibo, la cucina, l’arte culinaria, riempiono la narrazione di odori, sapori, dettagli che rapiscono i cinque sensi del lettore. Come la gastronomia italiana di Sal Fontanari che, nel cuore di New York, dona ai clienti non solo salumi e formaggi, ma anche una porzione di sentimenti tipicamente italiani: ospitalità, condivisione, umorismo, ilarità.
E’ come se pensassero che tornando a casa troveranno un po' dell'ottimismo di Sal, incartato insieme al formaggio.

Squisito! è una lettura piacevole, una storia romantica, dai toni delicati e dai sapori dolci, ma non solo. E’ un libro che ci invita ad andare avanti nonostante tutto, a diventare ciò che desideriamo essere, ad assumerci i rischi azzerando i timori. Perché in fondo la vita è molto simile ad un soufflé e...

L'unica cosa che fa sgonfiare un soufflé è sapere che ne avete paura.
Un libro consigliato a chi ama la cucina e le storie che trasmettono messaggi positivi.




Recensione realizzata per La chiave di Sophia.

Commenti

  1. Di tanto in tanto mi fa piacere leggere un romanzo che parli di odori, sapori e cucina, questo titolo me lo segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un romanzo che fa venire una gran fame ;D

      Elimina
  2. Sembra proprio uno di quei romanzi che mettono di buon umore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, lo è :) è una lettura leggera e per me, che amo il mondo della gastronomia, si è rivelata piacevolissima!

      Elimina
  3. Le storie positive hanno il pregio di trasmettere serenità e fiducia. Io amo cucinare e i dolci sono la mia passione. Libro da leggere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai questa passione devi proprio leggerlo!! ^-^

      Elimina
  4. recensione bellissima ma l'immagine della torta distrae il lettore! Segno in Wl o forse già c'era?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie :) se decidessi di leggerlo dovrai accompagnare la lettura con una fetta torta, non c'è scampo! :D

      Elimina
  5. Quando leggo le recensioni dell'Annusalibri, so già che la mia wishlist si allungherà. Questo poi è il mio libro...zenzero, cannella, spezie non mancano mai nella mia cucina, sapori e odori...la mia passione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, francy! per noi che amiamo cucinare è una bellissima lettura! :)

      Elimina
    2. E la torta durante la lettura ci sta!

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari