Avviso

Avviso

Recensione 'La verità su di noi' di Kristan Higgins | Harper Collins

Titolo: La verità su di noi
Autore: Kristan Higgins
Editore: Harper Collins
Pagine: 430
Genere: chick lit
Prezzo: 14,90 €
eBook: 3,99 €
Omaggio CE


Nota sull'autrice
Kristan Higgins è originaria di Durham, nel Connecticut. Fiera discendente di una lavandaia e di un macellaio, ha lavorato come cameriera durante la scuola superiore e l’università, ha fatto le pulizie nelle case quando era una giovane madre, e infine, prima di diventare una scrittrice, ha lavorato in campo pubblicitario e nelle pubbliche relazioni.
Attualmente vive nella sua città natale, insieme al suo eroico e tollerante marito vigile del fuoco e i loro due figli, è una popolare oratrice nelle scuole, nelle conferenze, nelle librerie e ai festival del libro. Ha vinto per due volte il Romance Writers of America RITA Award.
Rachel e Jenny sono sorelle. Jenny, affermata stilista di abiti da sposa, è reduce da un matrimonio finito. Owen, chirurgo estetico e marito perfetto, ha messo la parola fine scegliendo per entrambi. Eppure Jenny crede ancora nell'amore e non smette di sognare una famiglia felice. Rachel vive in una bella casa con il marito, Adam, e le loro tre gemelline. E' una mamma e moglie a tempo pieno, presente ed efficiente. Finché non scoprirà che Adam le nasconde qualcosa e tutte le sue certezze andranno in fumo.
C'è qualcosa di più umiliante che implorare una persona di restare con te? 
Di continuare ad amarti? Assolutamente no. Ma io lo implorai ugualmente.

La verità su di noi è giunto tra le mie mani inaspettatamente. Mi è stato inviato a sorpresa dalla casa editrice e credo che diversamente non lo avrei letto. Il chick lit, infatti, non è tra i generi che prediligo, sebbene di tanto in tanto non mi dispiaccia sperimentare. Non conoscevo l'autrice, per cui mi sono approcciata a questo libro come ad un salto nel buio.
Rachel e Jenny Tate sono due sorelle molto diverse tra loro. Jenny è sicura di sé, espansiva, indipendente. Rachel è timida, introversa, ingenua.
Jenny è una stilista di abiti da sposa, ha una prestigiosa boutique, e il suo stile è ricercato dalle spose più facoltose ed esigenti.  Rachel, sposata da dieci anni con Adam, è la mamma a tempo pieno di tre meravigliose gemelline. Ha lasciato il suo lavoro per occuparsi delle bambine, della casa, e del marito, a cui si dedica con impeccabile devozione.
Anche Jenny è stata sposata, con Owen, chirurgo estetico, marito premuroso e gentile, sempre pacato e disponibile. Finché, come un fulmine a ciel sereno, non avrebbe confessato a Jenny di non amarla più. A distanza di poco più di un anno, Owen ha costruito un'altra famiglia con Ana Sofia e a Jenny non resta che osservare da spettatrice la loro felicità.
Le due sorelle si alternano nella narrazione, mentre le vite di entrambe sembrano destinate a cambiare.
Jenny, infatti, deciderà di trasferirsi da New York a Cambry e rimarrà ammaliata dal suo nuovo vicino, Leo, scontroso ed ironico pianista. Rachel, invece, scoprirà che il suo matrimonio è tutt'altro che solido e che suo marito le nasconde una relazione. 
La verità su di noi è un libro che si legge facilmente, una commedia romantica che parla di donne con empatia e complicità, sottolineando le sfumature caratteriali delle protagoniste.
Ho ritrovato un po' di me e del rapporto con mia sorella nella relazione che lega Jenny e Rachel: totalmente diverse eppure unite, solidali, pronte a difendersi e a combattere contro il mondo l'una accanto all'altra.
Mi sono identificata nel modo in cui Rachel tenta di essere madre: con consapevolezza e voglia di donare alle sue bambine la parte migliore di sé, amando il suo ruolo anche quando la stanchezza prende il sopravvento e una bella dormita è tutto ciò che si possa desiderare.
Mi piace così tanto fare la mamma che c'è da meravigliarsi  se il cuore mi sta ancora in petto.Io e Adam abbiamo fatto queste bambine perfette ed io non riesco ancora a crederci. Per la maggior parte della mia vita ho dovuto combattere la timidezza.  E timida lo sono ancora, a volte anche con Adam. Se poi arrossisco e mi sento a disagio in pubblico, come ancora mi succede, penso a questo, al fatto che le mie figlie mi adorano, che so esattamente chi sono e cosa sto facendo come madre.
La storia ha una prosa scorrevole e ironica, sequenze divertenti si alternano a parti introspettive, in cui le due sorelle prendono lentamente consapevolezza dei cambiamenti che stanno sconvolgendo le loro vite.
Non mancano passaggi inverosimili o banali, a partire dalla tendenza di Jenny a fantasticare e a rimanere a bocca aperta ogni qual volta si trovi davanti Leo, o al parto di Ana-Sofia, che mette alla luce il suo primo figlio in pochi minuti e quasi senza rendersene conto (lo ammetto, potrebbe esserci un pizzico di invidia, ma concedetemela dopo quindici ore di travaglio).
Un libro che strappa sorrisi e che si sposa bene con una pausa dal mondo, sebbene non credo rientri tra quelle storie che lasciano il segno. Non so a distanza di tempo cosa mi sarà rimasto di questa lettura, in termini di emozioni e ricordi, rimane comunque una commedia piacevole, sia per l'alternanza dei punti di vista, sia per il cambiamento interiore che avviene nelle protagoniste: non bisogna perseguire la perfezione ma lottare per la nostra porzione di felicità.
Un romanzo da tre stelline piene, ideale per inframezzare letture più impegnative, consigliato a chi ama le commedie romantiche ed è alla ricerca di una lettura leggera che risulti coinvolgente.




Commenti

  1. E' da tanto che vorrei leggere un libro della Higgins, ma ancora non mi è capitato un suo libro tra le mani!!
    Una lettura per un pomeriggio di rilassamento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, una commedia romantica da gustare con plaid e pop corn :)

      Elimina
  2. Ogni tanto ci vuole davvero una lettura come questa, leggera senza troppe pretese ma ottima per intrattenere e magari qualche spunto di riflessione lo si trova pure ;) Sarebbe perfetta per l'estate, per mediare tra gli esami della sessione estiva ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai centrato pienamente il genere ^-^ un abbraccio!

      Elimina
  3. Non amo questo genere ma leggere le tue recensiono è sempre un gran piacere :)

    RispondiElimina
  4. Uh! Letto appena dopo l'uscita mi ha regalato delle ore piacevoli, si è fatto leggere in fretta e mi è piaciuto ^^
    Come dici tu, non è una lettura che lascia il segno (forse tutto il genere), ma è davvero uno scaccia-pensieri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "scacciapensieri": definizione perfetta per questa lettura! ^-^

      Elimina
  5. mi piace questa scrittrice, mi fa sorridere. Questo ancora mi manca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è il primo libro che leggo della Higgins, per cui non ho termini di paragone, ma è sicuramente una lettura spensierata :)

      Elimina
  6. Volevo leggere il tuo parere riguardo questo libro, sono quelle letture che ogni tanto vanno fatte secondo me, quelle spensierate, che se leggi distrattamente non ti fanno perdere il filo conduttore...ma lei che partorisce e non se ne accorge....mi sembra troppo..ihihihi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uahuahau sapevo che tu mi avresti capito! xD

      Elimina
  7. Sono reduce da alcune letture che come dici tu non lasciano il segno, ho voglia di essere avvolta e trasportata via dalla realtà, quindi credo che passerò.
    Bacio grande tesoro

    RispondiElimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari