Avviso

Avviso

BabyBooks: Sogni d'oro pomodoro - Elisa Mazzoli e Cristina Petit | Valentina Ed.

Titolo: Sogni d'oro pomodoro
Autore e illustratore: Elisa Mazzoli - Cristina Petit
Editore: Valentina Edizioni
Pagine: 32
Età: dai 3 anni
Prezzo: 12,00 €
Omaggio CE
Scheda del libro



Anita è una bambina davvero capricciosa...finché scopre che un pomodoro liscio e rosso può esserlo molto di più! Riuscirà finalmente a farlo addormentare?











Recensioni creative. Con la partecipazione straordinaria di una treenne.


Buongiorno, lettori!
Oggi io e Micol vi parleremo di Sogni d'oro pomodoro di Elisa Mazzoli e Cristina Petit, edito Valentina Edizioni.
La storia ha come protagonista Anita, una bambina capricciosa che si rifiuta di mangiare i pomodori. I suoi genitori, per mettere fine ai piagnistei, le impongono di andare in camera con il pomodoro e non tornare finché non lo avrà mangiato tutto. 
Ma Anita è determinata e decide che non lo mangerà mai, anzi, se ne prenderà cura come fosse il suo bambino. Lo coccola, lo culla, lo accarezza, lo avvolge in una copertina finché...gnam! non le scappa un morso, e scopre che il pomodoro è davvero buono!
Un libro che parla ai bambini e alla loro fantasia, dove il protagonista è un semplice pomodoro, che nell'universo infantile assume sembianze impreviste. Ma non solo, Sogni d'oro pomodoro, insegna che si può sempre cambiare idea e mettere in discussione le proprie decisioni.
Premessa: Micol non ama i pomodori. Adora il sugo, ma i pomodori crudi proprio non le vanno giù. Immaginate quindi la sua solidarietà nei confronti di Anita.
Già alla prima pagina, mentre leggevo "Anita, adesso basta con i capricci! Vai di là con il pomodoro e non tornare finché non l'avrai mangiato tutto!" Micol iniziava ad indignarsi:
Ma mamma, Anita è brava, non fa i capricci...perché la sua mamma non può cucinare un'altra cosa? Perché non può preparare la pasta coi pisellini?
Proseguendo nella lettura, continuava a spalleggiare Anita e la sua determinazione, appoggiava la decisione di fingere che il pomodoro fosse un bambino e giocare ad occuparsi di lui: Visto che brava, Anita? Mette il pomodoro a fare la nanna! Gli legge le favole come fai tu!
Solo una cosa Micol non ha previsto: ad un certo punto lo stomaco di Anita inizia a brontolare per la fame e così la bambina decide di dare un morso al pomodoro, scoprendo che in fondo non è poi così male.
Questo epilogo ha sorpreso Micol, che non si aspettava affatto che Anita potesse cedere. 
Ma come? Lo mangia? Ma no, mamma, leggi bene, a lei non piace il pomodoro!
Quando le ho spiegato che Anita ha cambiato idea, scoprendo che in realtà il pomodoro è molto buono, Micol mi ha guardata poco convinta.
Lo vuoi assaggiare anche tu? le ho chiesto a quel punto.
No, mamma, grazie ma Anita è più brava di me, te l'ho detto che lei non fa i capricci.
Insomma, come avrete capito non sono riuscita a convincerla a mangiare i pomodori, in compenso questa storia le è piaciuta parecchio e la leggiamo spesso all'ora di pranzo!
Le illustrazioni sono davvero accurate e originali, disegni e fotografie si amalgamano insieme producendo delle tavole armoniche e accattivanti, dove il colore rosso la fa da padrone.
Sogni d'oro, pomodoro, e buona giornata a tutti voi!



Commenti

  1. Libro che sembra di una tenerezza infinita, e recensione stupenda come sempre *-*
    Io, intanto, prendo nota per quando sarò mamma XD

    RispondiElimina
  2. Ahahahahaj fantastica Micol e molto più determinata di Anita, alla fine! :-) vedrai che quando sarà il momento il pomodoro lo assaggerà da sé!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come 'testa dura' è imbattibile xD aspetterò, Nadia! :)

      Elimina

Posta un commento

Diventa lettore fisso
del blog.

Post più popolari